Test di Rotter: carattere e responsabilità

Test de Rotter per conoscere la tendenza internalista o esternalista, come influisce nella responsabilità e come si modifica, Wenceslao Vial



Test di Rotter e responsabilità 



Sei padrone della tua vita e fai surf su qualsiasi onda? 

o ti sembra che affondi sempre a causa della sfortuna?  



La risposta usuale sarebbe "dipende", ammettendo che non abbiamo il controllo di tutto ciò che accade e che non siamo ciecamente travolti dal destino. In entrambi gli estremi ci sarà una mancanza di responsabilità.

Responsabilità viene dal verbo latino respondeo, rispondere. Significa dare una risposta a ciò che si fa. Per questo, è necessario riconoscere che abbiamo un compito o una missione e qualcuno che ce l'ha data: qualcuno a cui dare quella risposta.

Chi pensa che tutto quello che gli succede è dovuto alla fortuna o alla sfortuna, non si sforzerà di raggiungere un risultato, di compiere una missione, anche se la riconosce. Né penserà che qualcuno stia aspettando una risposta, perché tutto si muove per un caso cieco e sordo.

All'altro estremo, chi pensa che lui e solo lui sia l'autore del suo destino, non troverà nessuno a cui dare una risposta. Semmai cercherà di rispondere a se stesso, come qualcuno che parla a se stesso e risponde solo a se stesso... Saremmo di fronte ad una iper-responsabilità o una responsabilità egocentrica.

Il test di Julian Rotter che proponiamo ora ci permette di sapere se siamo in uno di questi due estremi o nella normalità psicologica. Consiste in un breve questionario, che mostra la tendenza a considerarsi l'autore del proprio destino o vittima delle circostanze.



Il test della personalità di Rotter classifica in internisti ed esternisti.


Il risultato è presentato su una scala da 1 a 23, dall'internalismo all'esternalismo. La distinzione dipende da dove consideriamo il "controllo" di ciò che accade: in noi o fuori di noi. È un tratto di carattere o atteggiamento con una certa stabilità, ma può cambiare con il tempo e la virtù. 

Entrambi gli estremi della scala di Rotter sono dannosi, ma la gamma di normalità e salute è spostata verso il polo internalista, o di maggiore responsabilità, con un valore tra 4 e 11.


L'internalismo e l'esternalismo segnano gli affetti, le azioni, la mentalità e gli atteggiamenti.

  • Perché sopporti tutto quello che succede o perché ti ribelli a quello che ti succede?
  • Perché pensi di avere la colpa di tutto quello che succede o perché ritieni gli altri responsabili? 
  • Quando qualcosa va male o si verifica un fallimento, dove cerchi il colpevole?
  • Se qualcosa va bene, a chi dai il merito?

È sorprendente apprendere che la risposta è in parte condizionata dal tuo modo di essere, dalla personalità che si è formata sul tuo temperamento ereditato.


Il risultato del test di Rotter influenza la salute.


Si determinano due diverse caratteristiche di personalità, a seconda che attribuiamo ciò che accade a noi stessi e alla nostra volontà o, al contrario, ad altri e a fattori esterni; sono come due luoghi dove si trova il controllo: interno o esterno (Rotter parla di locus of control)..

Con un clic, prima o dopo aver fatto il test, puoi vedere le caratteristiche e i rischi dei due estremi:




Scoprite se avete una tendenza internalista o esternalista.

La scala di autovalutazione o questionario si fa in 5 minuti:





La personalità e l'apprendimento sociale in Rotter.


Julian Rotter era uno psicologo americano nato a New York nel 1916 e morto nel 2014. È noto per la sua teoria dell'apprendimento sociale e la sua definizione di personalità come il modo caratteristico di reagire a una particolare situazione.

Per Rotter, ci sono quattro elementi che permettono di spiegare e prevedere il comportamento in situazioni specifiche.

  1. Il potenziale comportamentale, che sarebbe la possibilità di sviluppare un certo comportamento, a seconda del rinforzo e delle aspettative. 
  2. L'aspettativa o la probabilità prevista dalla persona che un rinforzo positivo si verifichi dopo un certo comportamento o in una situazione specifica. 
  3. Il valore del rinforzo o la preferenza espressa per un certo tipo di rinforzo. 
  4. La situazione psicologica o il modo di percepire e valutare le circostanze.


Rotter e la scala locus of control.


Rotter ha ideato la scala di autovalutazione qui presentata, che misura un importante tratto della personalità: a chi assegniamo il ruolo decisivo nelle nostre azioni e nelle conseguenze che ne derivano - noi stessi, altre persone o circostanze esterne. È stato pubblicato per la prima volta nel 1966.z

La posizione del locus of control, il livello di internalismo o di esternalismo, è abbastanza stabile in ogni persona, ma può cambiare, anche in un contesto concreto di comportamento: in certe circostanze sarebbe interno e in altre, esterno.

Consiste in un questionario, la cui validità è stata scientificamente provata. Otteniamo, come abbiamo detto, un risultato numerico, che ci colloca in una gamma normale, che è più verso l'internalismo, o patologico, nei due estremi.


Evoluzione e cambiamento nel locus of control di Rotter.


Le modifiche sono possibili quando le circostanze cambiano. Per esempio, dopo un divorzio che rompe la sicurezza della vita, uno o entrambi i coniugi possono pensare che sono di fronte a qualcosa di inevitabile, che tutto dipende da un destino ineluttabile: cioè, diventano più esternalisti.

Il locus of control si sposta invece verso l'interno (punteggio più alto verso il polo internista) quando diventano più consapevoli che la responsabilità facilita il successo.

Ci sono bambini e adulti internalisti ed esternalisti. Nel corso degli anni si prendono decisioni più importanti, ma la tendenza a credere che il corso degli eventi dipenda in gran parte da noi stessi o da circostanze esterne tende a rimanere: il punteggio di internalismo o esternalismo rimane simile.


Il locus of control di Rotter si interiorizza con l'età.


Con l'avanzare dell'età, le persone possono diventare più internaliste, vedendo se stesse come aventi più responsabilità per ciò che accade.

Questa interiorizzazione riflette una maggiore maturità, prudenza e senso di responsabilità, che facilita le relazioni familiari e una buona comunicazione.

Il tipo di educazione ricevuta favorisce l'internallismo o l'esternalismo, soprattutto nel modo di affrontare le difficoltà e gli eventi. Questa caratteristica influenza anche il fatto di assumere responsabilità o impegni come propri o meno.

Vale la pena di avvertire il rischio che esiste nel situare il locus of control troppo all'esterno  o troppo all'interno. La formazione della personalità aiuta a posizionarlo nella zona della normalità, assumendo un atteggiamento sano, il che significa crescere in libertà e responsabilità.

L'autotest di Rotter potrebbe aiutare a vedere come la personalità migliora o matura.

Se l'età può aumentare l'internalismo, anche una buona formazione potrebbe ottenerlo. Crescere nell'internalismo, senza esagerare, porta ad un aumento della responsabilità, con i benefici che questo comporta: se pensi che le cose dipendono da te, sei più disposto a rispondere, che è l'etimologia stessa della parola responsabilità.





La maturità non è un processo sempre uguale e senza regressione.


Una persona matura può diventare di nuovo "verde". Qualcuno che è diventato più responsabile, che ha interiorizzato il suo Locus of Control, può tornare a scaricare la colpa sugli altri e sull'ambiente.

Se trovi un eccesso di esternalismo nella tua vita, se consideri che la causa di tutto, di qualsiasi "onda", buona o cattiva, è indipendente da ciò che fai, forse puoi cercare di crescere in responsabilità, con la gioia di sapere chi sei. Se invece noti un eccesso di internalismo, puoi promuovere l'umiltà di vita che porta pure ad una maggiore responsabilità.



Fare anche il test di temperamento di questo sito



Fonte: Wenceslao Vial, Psicologia e vita cristiana. Cura della salute mentale e spirituale, EDUSC.



Test di Rotter online in diverse lingue

Spagnolo

English




Immagini: Lucas Calonje
Foto de inizio modificata: macrovector / Freepik

Posta un commento

0 Commenti