Come valutare lo yoga e la mindfulness, può esistere una mindfulness cristiana? bontà e rischi dello yoga e della mindfulness

Valutare l'utilità dello yoga e della mindfulness

Qual è l'utilità e la bontà della mindfulness e dello yoga per la vita cristiana? Queste tecniche orientali sono una fonte di pace duratura, nella società e nell'individuo?

Yoga, mindfulness e altre forme di meditazione orientale sono pratiche che sono cresciute e producono fascino, sorpresa e ammirazione; o sconcerto, inquietudine e rifiuto.

Offriamo alcune riflessioni su queste due pratiche, evidenziando i loro punti di forza e di debolezza.

Indice del contenuto

1. Somiglianze tra yoga e mindfulness

2. Cos'è lo yoga in relazione all'induismo?

    Basi dell'autorealizzazione nello yoga

    Chiavi dello yoga e dei suoi benefici

3. Cos'è la mindfulness e la sua relazione con il buddismo?

    Chiavi per praticare la mindfulness e i suoi benefici

    Mindfulness da Oriente a Occidente

    Mindfulness e cristianesimo, bontà e rischi della mindfulness

4. Yoga, Mindfulness e Cristianesimo

    Alcuni interventi della Chiesa su yoga e mindfulness

    Yoga e mindfulness nella realtà pratica

    Aspetti positivi e negativi dello yoga e della mindfulness

5. Dalla mindfulness alla presenza di Dio

    La preghiera cristiana per concentrarsi su ciò che è importante

    Mindfulness cristiana

1. Somiglianze tra yoga e mindfulness

Per anni, lo yoga e la mindfulness hanno trovato ampio spazio nelle aziende e nelle attività sportive di molte persone. Un crescente interesse per queste attività può essere osservato negli ambienti religiosi.

Si trovano annunci di corsi specializzati nelle pubblicità delle università, nel foyer di un ospedale, su un autobus o in una parrocchia.

Mindfulness e yoga sono talvolta presentati come una panacea per avere più seguaci, una migliore integrazione nei gruppi parrocchiali, una vita più serena, un cristianesimo "più significativo".

- Entrambe sono forme di meditazione, per raggiungere l'equilibrio e mettere da parte la sofferenza. Hanno anche uno scopo morale (il cosiddetto karma yoga), che è l'autorealizzazione.

- La base religiosa è l'induismo nello yoga e il buddismo nella mindfulness.

- Lo yoga e la mindfulness hanno avuto un grande impatto in Occidente a partire dagli anni '80. Si sono diffuse in molti paesi, con una maggiore o minore secolarizzazione o perdita dei fondamenti religiosi.

- Sono presentati come l'arte e la scienza di governare la mente. Usano la concentrazione sul corpo, in particolare la respirazione.

- La mindfulness è un fenomeno più recente, che prende le posture di meditazione o asana yoga dallo yoga.

2. Cos'è lo yoga in relazione all'induismo?

Yoga è una parola sanscrita. Ci sono tracce del suo uso da circa 3000 anni prima di Cristo. Corrisponde a una delle 6 dottrine dell'Induismo.

Secondo la dottrina dello yoga, l'essere umano è un'anima racchiusa in un corpo, che ha 4 parti: il corpo fisico, la mente, l'intelligenza e il falso ego. Secondo la religione indù, lo yoga è un percorso spirituale per sperimentare il contatto con il divino: l'integrazione dell'anima individuale con Dio (cioè Brahman) o la sua divinità (che è l'avatar), e la liberazione dalla schiavitù materiale.

Basi dell'autorealizzazione nello yoga

Lo yoga presenta gli 8 passi di un'autorealizzazione che poggia su 3 basi: sopprimere le modificazioni della mente, con il silenzio; non attaccamento, o non-sé o nullità; lasciarsi andare per raggiungere il samadhi, che è la piena auto-realizzazione, un risveglio interiore, la forza spirituale e la comunicazione con il Sé divino.

Come forma di meditazione, lo yoga utilizza varie posture (il cosiddetto asana yoga) per agire sul corpo e sulla mente. Ci sarebbe una risonanza speciale da diversi punti energetici dell'organismo lungo la spina dorsale.

Nei negozi di sport di molti posti nel mondo si possono trovare centinaia di prodotti di tutti i colori per lo yoga. La cosa più importante è avere una stuoia e un cuscino, che si chiamano sabuton e zufu.

Chiavi dello yoga e dei suoi benefici

Le chiavi della pratica dello yoga sono: lentezza di movimento, respirazione lenta, cosciente e diretta, attenzione mentale in uno stato di ricettività a ciò che accade.

Le varie posture possono essere accompagnate dalla ripetizione mentale di un mantra, parola o breve frase, per concentrarsi sulla respirazione regolare e lenta.

I sostenitori dello yoga affermano che ha numerosi effetti positivi sul corpo, in particolare la riduzione dello stress e il miglioramento della concentrazione e della chiarezza mentale.

Nel corpo, gli esercizi di yoga migliorano la flessibilità, la coordinazione e la resistenza. E lo stato generale di salute.

Molte persone praticano lo yoga per i suoi benefici fisici, con rifiuto o indifferenza per lo sfondo religioso. Ci sono anche coloro che si rivolgono allo yoga come una porta d'accesso a ulteriori esperienze religiose dall'Oriente.

3. Cos'è la mindfulness e la sua relazione con il buddismo?

Mindfulness è la traduzione inglese moderna del termine buddista Sati, che è considerato un tipo di meditazione.

La mindfulness è descritta nella raccolta di scritti buddisti, compilata con commenti nel V secolo, nel Digha nikaya (DN 22). Lì si legge come una preghiera: "il sentiero con un solo obiettivo, o monaci, viene dai quattro pilastri per raggiungere la purificazione, per superare il pianto e il lamento, per allontanarsi dal dolore e dalla sofferenza: osservare il corpo, osservare la sensazione, osservare la mente, osservare gli elementi".

Chiavi per praticare la mindfulness e i suoi benefici

Il Digha nikaya descrive anche come si esegue la meditazione con il mindfulness: a gambe incrociate e una piena attenzione, concentrarsi sulla respirazione (ispirazione ed espirazione), essendo attenti o facendo esperienza del corpo.

Secondo i promotori della mindfulness, la sua pratica aumenta la concentrazione mentale (samatha o meditazione, che ottiene la tranquillità concentrandosi sul respiro o recitando un mantra); affina anche la visione interiore (vipassana o meditazione subordinata alla sati: per questo bisogna concentrarsi o fissarsi sulla concentrazione stessa.

Mindfulness da Oriente a Occidente

I principali divulgatori della mindfulness in Occidente sono il monaco buddista vietnamita Thích Nhât Hanh (nato nel 1926) e il suo discepolo americano della tradizione ebraica, il biologo John Kabat-Zinn (nato nel 1944). È stato presentato come l'essenza del buddismo.

Thích Nhât Hanh dà un esempio di cosa potrebbe essere la mindfulness: "quando lavi i piatti, lavare i piatti dovrebbe essere la cosa più importante della tua vita, lo stesso se stai bevendo il tè o se sei in bagno...". Aggiunge: "vivere nel momento presente è il miracolo".

Una domanda grafica di cosa potrebbe essere la mindfulness sarebbe: il tuo corpo è presente, ma la tua mente è anche qui?

Mindfulness e cristianesimo, bontà e rischi della mindfulness

Man mano che la mindfulness è diventata più diffusa, la sua definizione come attenzione totale al momento presente è diventata più chiara: "Attenzione particolare al presente, con un atteggiamento di accettazione".

L'enfasi è sulla concentrazione sul proprio respiro e sui propri pensieri, in modo non giudicante e non riflessivo. La sati, dicono, non cerca di eliminare i pensieri o i sentimenti, ma di non identificarsi con essi. Si tratta di considerare i propri pensieri in modo impersonale, per non essere trascinati in essi.

I promotori sostengono che la mindfulness è uno stato mentale che tutti possono raggiungere, come la concentrazione, la coscienza piena e l’attenzione piena.

La concentrazione sul corpo, sui pensieri e sui sentimenti permette di vedere la vera natura dell'odio, dell'avidità, della sofferenza e del risentimento e di raggiungere il Nirvana.

Attraverso la concentrazione, si dirà, ci si svuota e la sofferenza scompare: la sati si allontana dal falso sé (anatta) e raggiunge l'apice dell'etica buddista che è la compassione (karuna), distaccandosi dall'egoismo, unendoci a tutti e all'universo e occupandosi amorevolmente dell'universalità.

La mindfulness ha manifestazioni culturali, come la cerimonia del tè in Giappone, in cui si apprezza il momento sociale dell'incontro con un altro, unico e irripetibile, condividendo una bevanda e uno spazio di relax nella propria casa.

In Occidente, si è insistito sul fatto che è solo una tecnica senza sfumature religiose. È stato introdotto in medicina come tecnica di Mindfulness-Based Stress Reduction (MBSR). È usato per la depressione, l'ansia, il disturbo ossessivo-compulsivo.

Va notato che sono stati descritti effetti negativi della mindfulness, dovuti all'eccessiva concentrazione sui propri pensieri.

La mindfulness è offerta per bambini, uomini, donne. Per le dipendenze, la sessualità, il burnout, gli affari... C'è persino un'applicazione, Buddhify, che attira milioni di persone.

In Occidente, la mindfulness è diventata un prodotto di consumo che viene talvolta presentato come infallibile per portare la pace all'individuo. Per questo motivo, alcuni parlano ironicamente di McMindfulness.

4. Yoga, Mindfulness e Cristianesimo

Quando si considera se lo yoga e la mindfulness sono compatibili con una vita cristiana, la prima cosa è distinguere ciò che è una dottrina e una religione dalla pratica o tecnica, da cui si possono trarre benefici fisici e psicologici.

Alcuni interventi della Chiesa su yoga e mindfulness

a) La gerarchia cattolica indiana ha parlato più volte dello yoga, dato che è un insegnamento obbligatorio nelle scuole del paese. Nel 2017, il Sinodo della Chiesa Siro-Malabarese ha dichiarato che lo yoga è una "pratica utile e benefica per il corpo e la mente, ma non deve essere confusa con la spiritualità". Hanno aggiunto: "Non è un mezzo per raggiungere il contatto con il divino, anche se può contribuire alla salute fisica e mentale". Nel 2018, la Commissione dottrinale di quella Chiesa ha pubblicato il documento "Lo yoga e il credo cattolico".

b) Papa Francesco ha fatto riferimento a pratiche simili in vari momenti. Per esempio, nell'omelia del 9 gennaio 2015: "Chi ci insegna ad amare?... Solo lo Spirito Santo. Puoi fare mille corsi di catechesi o di spiritualità, o mille corsi di yoga o di zen o tutte queste cose, ma niente di tutto ciò potrà mai darti la libertà del figlio". Ha anche fatto riferimento all'argomento in un messaggio alla diocesi di Roma nel 2019.

c) Mi soffermo un po' di più sul documento della Congregazione per la Dottrina della Fede: Lettera su alcuni aspetti della meditazione cristiana, 15 ottobre 1989, festa di Santa Teresa. Studia il valore per i cristiani delle forme non cristiane di meditazione, compreso lo yoga.

Questa lettera non menziona la mindfulness, ma la comprende. Ci ricorda che "alcuni esercizi fisici producono automaticamente sensazioni di quiete o di rilassamento, sentimenti gratificanti, e forse anche fenomeni di luce e di calore simili al benessere spirituale", e che "confonderli con autentiche consolazioni dello Spirito Santo sarebbe un modo errato di concepire il cammino spirituale".

In questo articolo sulla meditazione cristiana c'è un'apertura alle pratiche di meditazione dell'Oriente cristiano e delle religioni non cristiane. Si afferma che possono aiutare ad essere interiormente più rilassati davanti a Dio di fronte allo stress quotidiano.

La lettera sulla meditazione cristiana menziona anche come positivo il simbolismo psicofisico: da un atteggiamento corporeo a funzioni come la respirazione o il battito del cuore. Ma avverte che un uso improprio e scorretto può portare a un culto del corpo, identificando le sue sensazioni con esperienze spirituali.

Yoga e mindfulness nella realtà pratica

La maggior parte delle accademie di yoga e di mindfulness insistono sul fatto che non si tratta di una religione, ma di una disciplina che cerca di combinare l'armonia dello spirito e del corpo e il rilassamento. Tuttavia, in molti libri e nelle palestre, vengono spiegati concetti dell'induismo o del buddismo.

A volte, alcuni promotori dello yoga o della mindfulness lasciano esplicitamente fuori la croce di Cristo, presentata come masochismo.

Nel caso della Mindfulness, John Kabat-Zinn ha iniziato insistendo sugli aspetti medici, poi sullo stile di vita e sulle basi buddiste. Ci sono diverse interpretazioni e pratiche. Alcuni si concentrano solo sulla respirazione.

Aspetti positivi e negativi dello yoga e della mindfulness

Riassunto degli aspetti positivi

  • Manifestano una sete di spiritualità
  • Sono un rimedio efficace per la dispersione
  • Danno importanza e spazio al corpo e alle sue energie.
  • Aiutano a controllare l'interiorità

Riassunto degli aspetti negativi

  • Facile da confondere con la preghiera cristiana
  • A volte l'unico obiettivo è l'equilibrio
  • C'è un rischio di iper-riflessività e di culto del corpo
  • C'è un certo egocentrismo basale

Per riassumere questo punto, la Chiesa cattolica cerca di distinguere nello yoga e nella mindfulness l'esercizio o la tecnica di concentrazione, a cui non si oppone, dal fondo religioso.

Il giudizio morale in un caso specifico, e come rispondere alla persona cristiana che chiede dell'opportunità di queste pratiche, dipende dalla possibilità di fare una chiara distinzione tra la tecnica e la religiosità associata.

5. Dalla mindfulness alla presenza di Dio

Da quello che abbiamo detto, non sarebbe bene per nessuna parrocchia o istituzione della Chiesa cattolica promuovere corsi di mindfulness o yoga come attività propria. L'approccio di fondo è molto diverso da quello cristiano.

L'aumento dell'interesse per queste pratiche tra i cristiani riflette la necessità di essere più attenti alla cura del corpo, del mondo emozionale e di ridurre lo stress.

Questi bisogni fondamentali dovrebbero essere affrontati - probabilmente al di fuori dell'ambiente parrocchiale - forse attraverso corsi con una prospettiva cristiana sul rilassamento o la respirazione, corsi sulla gestione delle emozioni, o corsi sulla cura del silenzio interiore, ecc.

Vale la pena ricordare che ci sono pratiche senza connotazione religiosa che producono effetti molto benefici: per esempio, esercizi di stretching, respirazione diaframmatica o rilassamento muscolare profondo.

Sarebbe opportuno offrire ai cristiani dei corsi per approfondire la loro comprensione della preghiera come fonte di serenità e di pace. In questi corsi si potrebbe contestualizzare le varie tecniche e come comprendere i loro aspetti positivi alla luce della preghiera in Cristo, secondo la linea suggerita da San Paolo: "Mettete tutto alla prova e tenete ciò che è buono" (1 Ts 5,21).

Per le persone che chiedono informazioni sull'uso di queste tecniche, a meno che non abbiano un bisogno speciale, è preferibile sconsigliare lo yoga, tranne che non stiano particolarmente attenti a separare gli aspetti di esercizi fisici dai suggerimenti religiosi.

La preghiera cristiana per concentrarsi su ciò che è importante

Per tutti i cristiani è fondamentale cercare la presenza di Dio: scoprire che c'è un Dio che ci vede, ci ascolta e ci ama, che è un buon modo per concentrare la coscienza su ciò che è importante. Possiamo farlo attraverso momenti di pace in ogni pratica di pietà, specialmente nella preghiera, che permea il pensiero e l'azione. Chi prega finisce per pensare e agire come Gesù.

Attraverso la preghiera, con la grazia di Dio, si arriva a interiorizzare Cristo, seguendo Santa Teresa. La santa parla di un "rapporto intimo di amicizia", nella preghiera di raccoglimento.

Molti santi enfatizzano la preghiera, unita alla pace. San Josemaría, per esempio, parlava di una meditazione serena, lenta e silenziosa in cui "si accende il fuoco".

Mindfulness cristiana

Concludo con un testo di San Basilio, che potrebbe benissimo essere la coscienza focalizzata nell’importante o la mindfulness di un cristiano:

È bella la preghiera che rende Dio più presente nell'anima (...). In questo consiste la presenza di Dio: avere Dio dentro di sé, rafforzato dalla memoria. (...) Diventiamo un tempio di Dio quando la continuità della memoria non è interrotta da preoccupazioni terrene, quando la mente non è disturbata da sentimenti fugaci, quando chi ama il Signore si distacca da tutto e si rifugia solo in Dio, quando rifiuta tutto ciò che incita al male e spende la sua vita nel compimento di azioni virtuose.

Wenceslao Vial