Essere felici cercando il senso della vita anche con le ferite


Essere felici cercando il senso della vita


Da un'intervista con Emily Esfahani, condotta da Zuberoa Marcos, giornalista e dottore in biologia.

Vedi il post originale e video in spagnolo

Tra i filosofi più importanti nella vita dell'autrice, secondo le sue parole, ci sono Aristotele, di cui dice: "sembra aver detto tutte le cose più rilevanti sui temi che mi interessano"; Kierkegaard e Viktor Frankl, di cui dice: "il romanzo di Frankl, Uno psicologo nei Lager, ha cambiato la mia vita".

Esfahani è nata in Svizzera, poi ha vissuto in Canada fino all'età di dodici anni, da dove si è trasferita negli Stati Uniti. La sua vita è segnata da diverse esperienze culturali, a partire dal sufismo islamico dei suoi primi anni in Canada, dove è stata sorpresa dalla ricerca della dimensione interiore e spirituale.

È autrice del libro The Power of Meaning, su come trovare la realizzazione in un mondo ossessionato dalla felicità. Le sue osservazioni si basano su moderni studi psicologici e molte interviste con tutti i tipi di persone. Si concentrano su ciò che ha chiamato i quattro pilastri del significato.


Realismo ottimista, attento alla persona e aperto alla trascendenza

Differenza tra significato e felicità: un fatto empirico.

Più si cerca la felicità, più è difficile raggiungerla. Questo fatto, provato dalla scienza moderna, è stato sottolineato da Aristotele ed è legato al paradosso dell'edonismo: la ricerca del piacere in sé finisce con la perdita del piacere stesso che desideriamo.

Dice Esfahani: "viviamo in una moderna crisi di significato". Queste parole sono un'eco di ciò che avvertiva Frankl negli anni Quaranta: molte persone non trovano un senso nella loro vita o in ciò che fanno, cadendo nel vuoto esistenziale, base di un grande malessere psichico.

La felicità è spesso descritta come uno stato emotivo positivo: se ti senti bene sei felice, altrimenti sei infelice.

La felicità va e viene, come le emozioni. Il significato è più ampio e va oltre se stessi: è la ricerca di qualcosa al di fuori di se stessi, che può essere la famiglia, gli amici, il lavoro, Dio, la religione...: qualcosa che dia senso a ciò che si fa.


Ci sono tre elementi che, secondo la psicologia, sono i più capaci di dare significato:

  1. Una vita significativa con valore
  2. Uno scopo
  3. Una vita o una narrazione coerente.


La crisi della salute mentale è dovuta alla mancanza di significato nella vita e non tanto alla mancanza di felicità

Ci sono molte persone che si muovono solo alla ricerca del brivido della felicità, ma non di qualcosa che vada oltre e dia un vero significato a tutto. Ciò che dà significato costa di più ma ne vale la pena.

Oggi gli psicologi cercano di separare la felicità dal significato, proprio per capire perché aumentano così tanto le depressioni, l'ansia, la solitudine e altri indicatori di sofferenza psichica.

Oggi è più difficile trovare un senso, perché mancano riferimenti come la religione o la comunità, o i riti. Il mondo più secolare tiene meno conto di fattori importanti per il significato, come la religione e la spiritualità.


I quattro pilastri su cui si basa il senso della vita

Esfahani scopre quattro pilastri o concetti chiave che sostengono il significato dell'esistenza, che sono:

  1. Appartenenza
  2. Scopo
  3. Trascendenza
  4. Narrativa

Appartenenza: ha a che fare con il tipo di relazioni che abbiamo. È il senso di appartenenza, al suo livello più profondo. Viene da una relazione in cui si sa di essere apprezzati per quello che si è. Non è una valutazione o una relazione qualsiasi, ma quella che scopre l'altro nel suo valore essenziale, per se stesso, per essere quello che è. Non è necessariamente presente dall'inizio di una relazione, cresce e prende forma. Chi si sente rifiutato, anche per questioni apparentemente banali come vedere l'altro che guarda il telefono mentre parla, può essere ferito o pensare che la sua vita abbia meno senso.

Scopo: questa è una componente del significato o senso, la parte che guida verso il futuro. Può essere qualcosa di servizio, un contributo agli altri. Si collega con aspetti più globali, anche se lo scopo è in piccole cose: lavori domestici, un gesto verso una o poche persone... Esfahani fa l'esempio di una signora, che lavora come addetta alle pulizie in un ospedale, che dice del suo lavoro: il mio scopo non è pulire, ma aiutare a guarire le persone malate.

Trascendenza: sono quelle esperienze che mettono una persona al di sopra della quotidianità della vita. Può essere anche qualcosa di apparentemente molto piccolo con cui si intuisce la grandezza di altre realtà. Può essere un cielo stellato che si ammira, o il sublime della natura, la preghiera o la meditazione. Sono tutte quelle esperienze che diminuiscono l'importanza della nostra individualità. La gente apprezza la scoperta della trascendenza come la cosa più significativa della vita. La trascendenza genera una maggiore capacità di aiutare gli altri.

La trascendenza aiuta perché dopo essere saliti in cima alla montagna, si ha una prospettiva diversa. Aumenta l'empatia e ci aiuta ad aiutare di più gli altri. Racconta l'esperimento che è stato fatto con studenti che sono stati portati a contemplare la meravigliosa cima di alcuni alberi di eucalipto. Dopo aver goduto di quella visione, erano più disposti ad aiutare altre persone. La trascendenza riorganizza il modo in cui pensiamo al mondo.

Narrativa: è la storia che ci raccontiamo su noi stessi. Tutta la nostra storia è la cosa più importante e può essere sempre una fonte di significato. A volte non ci rendiamo conto che siamo gli autori delle nostre storie. Come siamo e perché è la chiave. Se troviamo difficoltà con ciò che ci è successo, che non ci permettono di andare avanti, possiamo modificare la nostra storia, raccontarla di nuovo per continuare ad andare avanti. Questo è anche quello che si fa in psicoterapia.


I 4 pilastri del significato si combinano e aiutano la resilienza, anche se non sono tutti presenti

Non è necessario avere una chiara comprensione di ciascuno degli elementi di significato, al fine di trovare il senso. Ogni persona ha la propria combinazione nella ricerca di significato nella vita. Alcune persone pensano più allo scopo e alla narrazione, e meno alla trascendenza. Più pilastri si hanno, più facile è superare le ferite con più resilienza.

L'appartenenza, lo scopo, la trascendenza e la narrazione offrono sostegno nel profondo del sé. Alcune persone si soffermano sul pilastro che può mancare, ma è meglio guardare a quelli che già possiedono e guardare a loro per avere forza. Sarebbe un errore pensare che la vita non abbia senso, per esempio, non avendo ben chiaro lo scopo in ogni momento.

Senso della vita ed educazione

La domanda sul senso della vita non è esclusiva degli adulti. Aiuta i bambini a pensare a queste cose e ad affrontare la ricerca di senso. Forse lo faranno con parole diverse e meno complesse, ma li aiuterà a pensare alla vita con un significato globale.

Nelle scuole è importante tenere presente il significato. Quando si introducono questi argomenti, i bambini si integrano meglio e ottengono voti migliori.

Soprattutto l'adolescenza è una fase chiave per pensare a chi siamo e qual è il nostro scopo. È qui che disegniamo quello che sarà la vita da adulti. Queste domande di solito non appaiono nelle reti sociali.

Una chiave per il significato è la coerenza nella narrazione

Un pilastro che vale la pena approfondire è la narrazione, a causa del potere delle storie. La narrazione o la nostra storia unifica ciò che viviamo e ci porta a capire noi stessi. E quella vita può essere trasformata in qualcosa di coerente che porta significato. La storia ha un ordine o un processo: chi siamo e dove stiamo andando.


La nostra vita è più di un insieme di eventi

Oltre a un processo, la narrazione ha un contenuto. I temi sono vari. Un tema frequente è quello della redenzione: mi è successo qualcosa di brutto e poi l'ho superato con qualcosa di buono. Ma si osserva anche la storia opposta o di contaminazione: il bene è nascosto da un'esperienza negativa. Altri temi sono la crescita, l'amore e la volontà.

È bene che nella nostra storia ci siano elementi di redenzione, crescita e amore. Ma se non ci sono, non si ha necessariamente una vita senza senso. Si può cambiare il modo di raccontare la propria storia, rispettando i fatti.

Gli esseri umani hanno un pregiudizio negativo, che è stato dimostrato. Tutte le brutte esperienze lasciano un'impressione più profonda di quelle buone e sono più difficili da dimenticare. Abbiamo bisogno, dice Esfahani, di circa 5 cose buone per ogni cosa cattiva che ci succede. Le cose brutte vengono incluse molto di più nella nostra storia. Modificandole possiamo includere elementi positivi che danno speranza.

Tra i tanti elementi che rendono più facile trovare un senso alla vita ci sono l'arte, la letteratura e le scienze umane, la filosofia. In una società secolarizzata come quella di oggi, possono essere ancora più importanti.



Wenceslao Vial

Article in English