TEDx: Atteggiamento | Victor Küppers



Victor Küppers fa un discorso magistrale sul concetto di atteggiamento, con il quale potete imparare e divertirvi.


Ci ricorda che siamo circondati da persone serie, corrette e buoni professionisti, ma ce ne sono altre che generano una sensazione di “Ole, ole e ole…”! (di viva la vita e basta!).

Le persone sono come le lampadine, perché noi trasmettiamo: lampadine con le gambe mentre ci muoviamo nella vita.

E ci sono persone che vanno a 30.000 watt e altre che si bruciano.

Tutti noi trasmettiamo qualcosa, ma ci sono momenti in cui conosciamo qualcuno e diciamo "Ole, ole e ole…! Che spettacolo, ma ci sono altre volte che conosciamo qualcuno e dopo tre, quattro secondi, diciamo: "Bene…".

Chiamatelo sentimento, chimica, come vi pare, ma noi trasmettiamo sentimenti e catturiamo le sensazioni che gli altri trasmettono.

C'è una spettacolare crisi di stato dell’umore.

Ci sono molte persone che sono scoraggiate, sopraffatte, pazze, fin sopra i capelli di tutto; e questo ci fa perdere la strada.

Victor ci dice che c'è una formula per vedere quanto vale una persona come persona: (C + H ) x A

La C è conoscenza, H è abilità ed esperienza; A è atteggiamento.

E cosa c'è di importante nella formula?

Beh, il C si somma, l'H si somma, ma la A moltiplica.

La differenza tra persone incredibili non è né nella C né nella H, è nella A.

Non sono grandi persone perché sanno molto o perché hanno molta esperienza, ma per il loro modo di essere.

Tutte le grandi persone hanno un modo proprio di essere grandi.

Ed è la stessa cosa con i capi: di tutti quelli che hai avuto, quale manterresti?

La C e la H sono molto importanti, come dice Küppers, non c'è niente di peggio di una persona inutile altamente motivata... Ma noi non scegliamo le persone per la loro conoscenza ma per il loro modo di essere e lei forse era un capo brutale per il suo modo di essere.

Con gli amici è più facile, perché nessuno sceglie i propri amici in base al curriculum, li scegliamo per come sono. Siete apprezzati per come siete.

E il problema è che quando si è scoraggiati si perde la cosa migliore che si ha, che è il proprio modo di essere.

E anche se viviamo in un mondo in continuo cambiamento e se sembra che se ci fermiamo perdiamo il treno, a volte dobbiamo fermarci a riflettere perché la vita ha cose fantastiche, momenti spettacolari, che non vediamo perché andiamo a tutta velocità.

Non tutto è felicità. Ci sono molti momenti difficili che vivremo: malattie, perdita di persone care, mancanza di lavoro...

E spesso accade che quando la vita subisce un colpo come questo, ci si fermi improvvisamente a pensare, e ci si renda conto di ciò che è importante. Ma perché deve succedere qualcosa di brutto per rendersene conto?

Devi cercare e rivendicare quella pausa.

Quando si ha la cosa più importante nella propria vita, si diventa euforici, gioiosi, ottimisti.

E per questo, Küppers ci dà due consigli.

- Imparate a dare valore a ciò che avete

Il primo consiglio è, dunque, imparare ad essere grati: "Non sai quello che hai finché non lo perdi”. È un'enorme verità che sicuramente abbiamo vissuto ad un certo punto della nostra vita.

Nella vita diamo molte cose per scontate.

Alcune cose basilari come l'acqua, la luce. Ma molte persone non ce l'hanno al mondo. Quindi ci sono momenti in cui dobbiamo fermarci e dare valore alle cose.

La vita ha grandi drammi, che purtroppo non hanno soluzione, bisogna soffrire, e si spera che il tempo riduca il dolore.

Ciò che è imperdonabile è che quelli di noi che non hanno drammi si lamentano.

Come indica Victor, quelli di noi che non abbiamo drammi al momento, possiamo aiutare coloro che hanno dei drammi.

Il minimo che ci si può chiedere è di essere grati e di dare valore alle cose che funzionano, e non pensare solo a ciò che non funziona.

Entriamo nella nostra bolla egoistica e trasformiamo ogni piccolo problema nel più grande problema del mondo. Dobbiamo relativizzare, la vita ha drammi, e quando non hai drammi, hai circostanze da risolvere, e per farlo non devi perdere la tua gioia.

Il cervello pensa sempre ai problemi, perché la nostra mente razionale è progettata per questo. E quando troviamo una soluzione, passiamo al problema successivo.

Fai una lista delle cose fantastiche che ti accadono. E godetevele. Vivili. È la tua vita e ne hai diritto.

- Entusiasmo

Il secondo consiglio che ci dà Küppers è quello di alimentare le nostre speranze.

Questo mi ricorda molto il fatto di non perdere il bambino che è in noi. Il bambino che si sveglia di corsa la mattina dell'Epifania per vedere se i cammelli hanno bevuto l'acqua e mangiato il mais e gli hanno lasciato dei regali.

Gli esseri umani crescono e lavorano con entusiasmo.

Quando uno non ha entusiasmo, voglia di vivere, muore. È come in morto vivente che trascina i piedi, con il viso lungo, e deprime gli altri. E non può essere.

E un consiglio:

Se non avete entusiasmo per niente, createlo, perché l'ambiente non lo farà da solo.

Godetevi le piccole cose ordinarie. Le cose gratuite a disposizione di chiunque: una colazione in terrazza al sole, scalare una montagna, incontrare gli amici per un drink, prendere una coperta e guardare un film...

Nella vita, che ci piaccia o no, le cose sono come sono, non come vorremmo che fossero. Ci danno alcune carte iniziali e noi giochiamo con loro.

La grandezza si mostra giocando.

Non possiamo restituire quelle carte, cambiare le circostanze (dove siamo nati, se abbiamo una malattia, se non ho i capelli...) ma si può sempre scegliere l'atteggiamento.

È l'ultima libertà che abbiamo noi esseri umani. Le circostanze hanno un'influenza e l'ambiente può condizionarci, ma c'è sempre quel piccolo buco in cui abbiamo il potere di decidere il nostro atteggiamento.

In ogni momento, scegliamo il nostro atteggiamento.

Ogni secondo ci porta un po' più vicini alla grandezza o alla mediocrità: ad

essere felici o meno.

Posta un commento

1 Commenti

  1. Molto utile per capire quanto importante sia il nostro atteggiamento di fronte agli stimoli interni ed esterni. Può certamente prevenire problemi psicologici, e aiutarci nella salute mentale in questa pandemia.

    RispondiElimina