A proposito di vaccini ed eutanasia

Approfondire l'arte medica che aiuta il paziente nella propria arte di vivere. Seminare gioia e dare un senso al dolore e alla sofferenza



Nei miei primi anni da studente di medicina, un professore ci disse: “Voi curate le persone, non le ferite”. Da allora ho sempre ricordato che i malati hanno una dignità speciale.

Durante la pandemia di coronavirus, i professionisti della salute hanno lavorato sodo: per cercare di guarire i pazienti o, quando non è stato possibile, almeno per portarli sollievo.

In questi giorni, le speranze e gli occhi del mondo sono puntati sul vaccino. La mutazione Covid-19 riscontrata in Inghilterra e in altri Paesi aggiunge incertezza. Politici, medici, casalinghe, bambini e anziani aspettano il loro turno: pochi milligrammi iniettati in due dosi che forse ci libereranno dal contagio. 

Nel mezzo di questo sforzo per salvare vite umane, alcuni governi stanno guardando in un'altra direzione e introducendo la possibilità che un medico ti tolga la vita, con quella che chiamano eutanasia o " buona morte". Sarebbe un atto di compassione: pochi milligrammi iniettati... ed è finita. 

L'obiettivo del vaccino contro il coronavirus è quello di distribuire più di 300 milioni di dosi entro aprile 2021, in modo che l'impatto possa iniziare a farsi sentire. Trasmette un messaggio di speranza e di ottimismo: pochi effetti negativi, buoni risultati nei gruppi più vulnerabili, a cominciare dagli anziani, e tutto questo si unisce all'interesse di raggiungere i Paesi con meno risorse e quelli più bisognosi.

Il presunto obiettivo dell'eutanasia è quello di alleviare la sofferenza e il dolore dei malati terminali. Tuttavia, come è evidente in Olanda e in Belgio, questo obiettivo sembra essere raggiunto togliendo dalla circolazione i pazienti scomodi che gravano sulle tasche dello Stato e dei contribuenti; gli anziani e i bambini che danno poche speranze di essere "utili". La vecchiaia si trasforma in malattia; l'invalidità o le limitazioni in peso insopportabile. Si semina l'idea che coloro che non producono, sono un fastidio.

Per difendere l'eutanasia si parla di libertà: ognuno decide cosa vuole fare della propria vita e della propria morte. L'accento è posto su di te che decidi e ti incoraggiano a decidere la soluzione che costa meno: il medico potrebbe curarti e alleviarti, ma a che scopo?

Se parlano di coronavirus, invece, ti obbligano a indossare una mascherina e a farti vaccinare. Misure con le quali sono d'accordo. Costa meno che curare i malati e la fetta di denaro che le case farmaceutiche porteranno via non è trascurabile. 

Alcuni, con buone intenzioni, offrono la morte come soluzione al dolore e alla sofferenza. Forse sfugge loro ciò che ogni medico osserva: pochi pazienti chiedono di anticipare il momento della morte, se sono curati, se sono accompagnati, se il dolore viene levato con le medicine che esistono, se si fa sentire loro che sono ancora utili e che sono amati.

In fondo, i promotori dell'eutanasia si concentrano sulle ferite e non sulle persone. Li aiuterebbe conoscere un libro come l'Oxford Manual of Palliative Care, che approfondisce con rigore scientifico un'efficace e fondamentale specialità nelle principali scuole di medicina del mondo.

Se un medico "cura le persone e non le ferite" sarà fedele a Ippocrate, che disse: "Con innocenza e purezza custodirò la vita e la mia arte". L'arte di trovare trattamenti efficaci e l'arte di aiutare il prossimo a vivere o a morire.

Questo ideale ha ispirato Cicely Saunders, un'infermiera britannica, a passare le sue giornate a sviluppare cure palliative e ad aiutare chi soffre di malattie incurabili ad affrontarle nel modo più confortevole e dignitoso possibile.

E questo stesso ideale brillava secoli prima in un medico che era anche inglese: Edward Jenner. Mosso dal desiderio di servire, girava per i campi vicino a Berkeley aiutando i contadini e cercando un rimedio per il vaiolo. Quella malattia, che nell'Europa del XVIII secolo ha portato ogni anno alla tomba quasi mezzo milione di persone, ha avuto un tasso di mortalità dell'80% tra i bambini, e ha lasciato molti sopravvissuti ciechi o con ferite deturpanti al volto.

Durante le sue visite nelle fattorie, Jenner ha notato lesioni pustolose su alcune persone che mungevano le mucche colpite dal cosiddetto vaiolo delle vacche (cawpox). Ha notato che erano simili alle lesioni causate da una malattia molto più grave, il vaiolo umano (smallpox).

Nel maggio del 1796, prese sostanza da queste lesioni "innocue" e la introdusse con ferite sulla pelle di un bambino. Dopo alcune prove, scoprì che il bambino era diventato immune al vaiolo. Nuovi esperimenti hanno dimostrato l'efficacia del metodo e sono state organizzate "vaccinazioni" massicce: è emerso un nuovo nome con chiaro riferimento alla sua origine, ma soprattutto è stata la prima grande vittoria contro una malattia importante. Nel maggio 1980, l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha annunciato l'eradicazione globale del vaiolo.

Jenner è stato sommerso da offerte per sfruttare commercialmente la sua scoperta e diventare ricco. Tuttavia, lo ha generosamente donato alla comunità umana, unendo le sue conoscenze a quelle di tanti altri medici esemplari. Nel bel mezzo del suo lavoro ha detto a un amico: "Se considero la moltitudine di uomini che hanno già potuto godere di questo beneficio, la mia soddisfazione è molto grande. E così grande è la mia gratitudine a Lui, che so essere l'Autore di ogni benedizione, che difficilmente posso esprimerla".

Wenceslao Vial

Posta un commento

0 Commenti