HOME GLOSSARIO
Passa ai contenuti principali

Celibato sacerdotale e personalità matura

Autotrascendenza e celibato sacerdotale
Prospettiva psicologica  Wenceslao Vial Mena
Introduzione             La nozione psicologica di autotrascendenza (Selbst-Transzendenz) indica la capacità essenziale dell’essere umano di uscire da sé, di superare i suoi condizionamenti interni ed esterni e dirigersi verso le realtà oggettive. È una disposizione costitutiva verso la trascendenza. Se il termine sono gli altri, sarà orizzontale; se è Dio, verticale. Si collega con la volontà di senso, quale movente dell’agire umano, che spinge alla ricerca del significato dell’esistenza. Alla luce dell’Assoluto, è un compito che ci aspetta e al quale siamo chiamati[1].
            In teologia quest’idea si può trovare ovunque: si parla all’uomo che s’interroga sull’esistenza, «con la sua apertura alla verità e alla bellezza, con il suo senso del bene morale, con la sua libertà e la voce della coscienza, con la sua aspirazione all’infinito e alla felicità»[2].
         L’essere umano fin da piccolo ha…

Prevenire il Burnout



  Si vede da lontano come una tempesta....


Presentazione alla Facoltà di Comunicazione Istituzionale,
Pontificia Università della Santa Croce, Roma


       La sindrome di Burnout (essere bruciati) è uno stato di stress cronico legato al lavoro. Si riscontra in particolare nelle professioni al servizio degli altri, come nel settore sanitario (infermiere, medici, psicologi), educatori, poliziotti, e anche nei sacerdoti. Non esiste consenso nel considerarla una malattia diversa alla depressione e alcune delle manifestazioni sono simili. Più che l’eccesso di lavoro, la causa sembra di essere un non trovare senso a quanto si fa, e non farlo con gioia e senso di missione e servizio. Anche la mancanza di un lavoro o fare attività che appaiono inutili portano ad uno stato simile. La motivazione quindi è fondamentale per prevenire. La fede e una prospettiva soprannaturale sono di aiuto. I tre elementi più specifici, che si presentano come tappe successive, sarebbero: 

1.      Esaurimento emotivo: le persone pensano di non poter più darsi agli altri, e che fanno già troppo; appare l’indifferenza verso gli appelli di coloro che soffrono. 
2.      Depersonalizzazione o cinismo: si esperimenta una reazione negativa verso chi chiede aiuto e verso il lavoro, e una sfiducia continua verso gli altri e le loro motivazioni.
3.      Scarsa realizzazione personale nel lavoro o inefficacia: c’è una valutazione negativa della propria realizzazione accompagnata di apatia e senso di inadeguatezza per svolgere i compiti richiesti.


Psicologia e vita cristiana           Un fattore causale, a livello personale, è il perfezionismo. Di solito sono persone auto-esigenti, con scarsa tolleranza alla frustrazione e che tendono a fare di più di quello che possono. Influiscono molto le aspettative distorte: troppo basse o non raggiungibili, che portano ad uno stato di stanchezza fisica ed emozionale. Le caratteristiche dell’istituzione o la compagnia per la quale si lavora sono anche rilevanti: può darsi una sovraccarica di lavoro, ricompense insufficienti, assenza di equità, conflitti di valore, ecc.

         Di fronte ai primi sintomi di Burnout, è importante aiutare le persone a lavorare con orari stabiliti e che sappiano riservare momenti per esercitare altre attività, micro-pause dal lavoro, riposare facendo altre cose, imparare a comunicare le proprie emozioni e condividerle, non provare sempre a risolvere tutti i problemi degli altri, ecc. Se c’è perfezionismo bisogna agire su di esso: adeguare quello che ci si aspetta dalle circostanze, sopportare il fatto di lasciare cose non finite, chiedere aiuto, collaborazione, capacità di delegare, sopportare (voler bene) i difetti degli altri, rispettare e prevedere tempi d’esercizio o riposo, dedicare un tempo alla valutazione del lavoro e alle mete. Alle persone che presentano una specie di dipendenza dal lavoro è necessario far capire la necessità di darsi un orario prestabilito e di avere tempi di contemplazione e per altre attività di rilassamento.

           A livello istituzionale, è utile migliorare il benessere dei lavoratori, curare la loro preparazione professionale perché abbiano più sicurezza in quanto fanno, diminuire le cause di stress, aumentare le comunicazioni. Fomentare il senso di missione.    


Commenti

  1. Utile e pratico per prevenire: lavorare con pace e impegno.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Vídeos sobre psiquiatría y espiritualidad

Wenceslao Vial
Siete temas médicos de actualidad, en relación con la vida espiritual, revisados en 14 minutos.

1. Mi carácter y yo
     ¿Soy responsable de mi forma de ser? Claves para entender por qué somos como somos y los medios para crecer -madurar-, con serenidad y constancia. Es posible llegar a ser mejores seres humanos y por eso mismo más felices. 

2. ¿Psicólogo o sacerdote?
     ¿Cómo saber cuándo se necesita un médico, un psicólogo o un sacerdote? Ayudar desde la unidad de la persona.
3. Vida espiritual y salud mental
    ¿Cómo influye la vida espiritual en la salud mental? Algunas claves para prevenir problemas y crecer en humanidad.

4. La atracción por el mismo sexo
      ¿Qué puede llevar a sentirse atraído por el mismo sexo? ¿Qué es un deseo? ¿Cómo se van desarrollando los deseos en las personas? ¿Qué diferencia un deseo bueno de uno malo? ¿Puede una persona controlar sus deseos? ¿Cómo?
5. Ideología de género: desmontando errores
      ¿Cuáles son los errores de la ideolog…

Ansia, depressione, dipendenze: una spiritualità sana può combatterli!

Intervista a Wenceslao Vial, medico e sacerdote, professore della Santa Croce, autore del libro Psicologia e vita cristiana. Cura della salute mentale e spirituale Rocío Lancho García Fonte: Zenit

Sono responsabile del mio modo di essere? Si può uscire dalla depressione? Come vincere l'ansia? Esistono rimedi per superare le dipendenze da droga come da internet? La famiglia di una persona con disturbi mentali come deve comportarsi? Quando c'è bisogno di uno psicologo o semplicemente di un sacerdote? Il sesso è una invenzione antiquata, un gioco o un tabù? Sono, tutti questi, interrogativi fondamentali per la vita delle persone. Ad alcuni di tali quesiti ha provato a dare una risposta Wenceslao Vial, medico e sacerdote, professore di psicologia e vita spirituale presso la Pontificia Università della Santa Croce, di Roma, nel suo nuovo libro Psicologia e vita cristiana. Cura della salute mentale e spirituale, (Edusc). Per saperne di più, ZENIT lo ha intervistato.  *** Come sono col…

Abbandonare la pornografia in quattro passi

Vivere felici e liberi di dipendenze  Wenceslao Vial
Cosa produce la pornografia La visualizzazione di immagini di contenuto sessuale intorpidisce il cervello.Può finire per modificare la dinamica e la morfologia neuronale. Porta facilmente ad una dipendenza comportamentale, in cui una determinata azione prende il controllo dell'attività volontaria, riducendo l'autonomia, come nella tossico-dipendenza, l'alcolismo, la dipendenza dal gioco, da Internet, dal rischio o dagli acquisti compulsivi.Non c'è spazio per un uso moderato o salutare della pornografia, che è sempre pericolosa. Gli stimoli normali della sessualità sono sostituiti da stimoli esagerati e spesso violenti, che alimentano la violenza.Evoluzione di un vizio Ciò che a volte inizia per gioco, curiosità o incitamento altrui trascina, con più o meno complicità della persona, verso un pendio in cui vizio e malattia mentale si intrecciano.Alla ricerca iniziale del piacere, sopravviene l'urgente necessità di agi…